mercoledì 19 settembre 2012

Seppie in nero alla veneziana

Eccomi sono tornata!!!! Purtroppo una settimana di vacanza è veramente troppo corta, ma quest'anno è andata così. In ogni caso ci siamo goduti una settimana di caldo, sole , mare e buona cucina sopratutto di pesce,  perchè siamo stati a Mallorca nelle Isole Baleari . In realtà si mangia bene qualsiasi cosa, ottime paelle con più varianti, e anche buona carne di maiale, in quei giorni poi c'era anche una simpatica festa a carattere medioevale con molte postazioni food in cui erano proposti cibi della tradizione e dei fantastici dolci.

Ma il rientro è sempre traumatico....dover riprendere lo "scettro della regina dei fornelli" è un'arma a doppio taglio, basta tavole già pronte, basta scelte dai menù, basta essere serviti.....ma dover cominciare già al mattino a pensare all'organizzazione della giornata e all'incastro di tutti gli impegni compreso quello del pranzo!!!!!!!!!

Per continuare alla grande però, dopo tanti cibi buoni e sfiziosi la mia scelta non poteva che cadere su uno dei piatti della mia tradizione, le seppie in nero, giusto per rientrare nel mio mondo con sapori che sanno di casa.

Seppie in nero alla veneziana



Ingredienti

1kg di seppie
400  gr passata di pomodoro
aglio, scalogno
olio evo Dante
vino bianco
prezzemolo
1 foglia di alloro
sale, pepe



Pulire le seppie eliminando tutta la pelle, gli scarti come becco e occhi,  le interiora facendo attenzione a conservare almeno 2/3 sacche di nero.
Tagliare il corpo a listarelle di circa 4/5 cm e larghe 1/2, a me piace tagliarle così "ordinate", altri le tagliano a pezzetti, ma a casa mia le ho sempre viste così e anche nei ristoranti veneziani si segue questo taglio.
Continuare tagliando i tentacoli e la testa.

In una casseruola preparare un soffritto con olio evo Dante , aglio e scalogno, mettere le seppie, sale, pepe, l'alloro e far asciugare l'acqua che emettono.
Sfumare con un bicchiere circa di vino bianco.
Intanto sciogliere il nero in poca acqua caldissima. Se i neri sono pochi o troppo piccoli per rinforzare si può usare una bustina di quello pronto che si trova in commercio.
Quando il vino è evaporato aggiungere il nero mescolando bene e subito dopo la passata di pomodoro.
Far cuocere per almeno un'ora aggiungendo l'acqua necessaria. Portare la salsa a restringimento e spolverizzare con un trito di prezzemolo.
Io uso la pentola a pressione abbattendo di molto il tempo, circa quindici minuti di pressione dopo la rosolatura  come sopra, e poi asciugo la salsa in cottura normale trasferendo le seppie in una casseruola.




Per rispettare la tradizione andrebbero accompagnate dalla polenta ma vanno bene anche dei crostoni di pane caldo o più semplicemente pane da "toci"




36 commenti:

  1. ciao stai meglio??? Non ti vedevo più :-S Vabbè che anche io ho pubblicato dopo due settimane dall'aultimo post :-S
    Ma con la pulce in prima elementare e l'inizio delle scuole... un macello.
    Le faceva anche mia nonna, ma non le ho mai mangiate.... mi impressiona il nero hhahahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!!!! stare meglio??? parola grossa ora che arriva la stagione fredda comincia la battaglia con l'aerosol!!!!! ah ah ah......
      sono stata assente per una breve vacanza, stavamo scoppiando!!!!!
      Ma dai impressione le seppie nere!!!! falle in rosso anche se non è certo la stessa cosa!
      Un bacio alla Pulce con un grosso augurio di Buon Inizio di anno scolastico!!!!

      Elimina
  2. Superato lo scoglio iniziale del nero, credo siano davver buone!
    alla prossima e buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so che ad alcune persone il nero crea disagio, ma il gusto particolare che dà a questo piatto è veramente insostituibile.
      Buona giornata anche a te!!!
      baci

      Elimina
  3. Bentornata!!! Mallorca ci son stata.. m'è piaciuta abbastanza... Ottime queste seppie... bacioni cara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!!! Mallorca è un'isola molto turistica ma molto curata, ottima per una vacanza fuori stagione e a breve distanza. Certo i paradisi sono altri ma ogni tanto bisogna accontentarsi!!! :-)))
      Baciiiiii

      Elimina
  4. Bentornata, è dura riprendere, ma mi sembra che con le tue seppie sei ritornata alla grande tra i tuoi fornelli.Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao carissima!!!! eh già ora si ricomincia.....

      Elimina
  5. Ciao ondina bella, bentornata! :) Hai ragione, le vacanze sono sempre troppo brevi, non posso che essere d'accordo! Consoliamoci con questo piatto gustosissimo e da provare assolutamente, complimenti :D Che bello rileggerti di nuovo e scoprire le tue nuove ricettine! :) Un bacione e buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao tesoro!!!!!! sei veramente carina, anche io non vedo l'ora di riprendere i nostri contatti e ritrovare tutte le amiche blogger!!!
      bacioni grossi

      Elimina
  6. Ondina carissima, bentornataaa! :D E' vero che si fa fatica a dimenticare le vacanze (seppur brevi e ti capisco).. ma tu sei tornata alla grande con queste seppie squisite! :D Concordo proprio con tutte!! Mi mancavi molto, devo dire :) Ti abbraccio e ti mando un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sai vero che anche tutte voi mi siete mancate, seppure fossi in vacanza al ritorno uno dei primi pensieri è stato venire a vedere le novità dei blog!
      Bacioni e un forte abbraccio

      Elimina
  7. Bentornata Ondina, vedo che hai ripreso subito alla grande con una bellissima ricetta!!
    Mi piacciono molto le seppie al nero, le ho mangiate spesso ma non ho mai provato a cucinarle, qui a Roma le facciamo sempre con i piselli....mi segno la ricetta!!
    Un bacio e buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provale, il nero dà un gusto speciale, anche se la tua versione con i piselli è molto buona e ogni tanto la preparo anch'io. Fammi saper!!!
      Baci

      Elimina
  8. Bentornata cara
    Felice della tua vacanza ....Immagino il posto e sogno grazie a te.....certo rientrare è sempre traumatico ma tu sai come viziarti...Ottimo piatto!!!!!!!!!!!!!!
    Un bacione!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Renata!!!!!!! ora passo anche da te!!!
      baci

      Elimina
  9. già...le vacanze finiscono sempre troppo presto...ma meglio di niente!!!
    e allora bentornata e...che rientro!!! con questo piatto mi inviti a nozze...adoro il nero di seppie...io lo uso spesso con spaghetti e risotti!!!
    un bacione e buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. certo che si, con le seppie rimaste si fanno sempre dei primi piatti, mio marito adora il risotto di seppie, devo sempre farglielo il giorno dopo!!!!
      ricambio con un grosso bacione

      Elimina
  10. Bentornata!!! Che meraviglia queste seppie......mia mamma fa anche la pasta con il nero.....
    Lo scoglio per me è la pulizia delle seppie però....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ottima la pasta nera daondire con i crostacei..mi hai fatto venire voglia!!!
      Per la pulizia delle seppie di solito in pescheria danno mano, e il grosso è già fatto!!
      baci

      Elimina
  11. Bentornata cucciola!!! Io AMO Maiorca!!! Ci sono stata 2 volte e me ne sono innamorata! L'abbiamo girata tutta in macchina e ormai la conosco molto bene. C'è un ristorante sul porto dove fanno la paiella più buona dell'isola, non riesci a smettere di mangiarla anche se stai x scoppiare!!! E quante spiagge meravigliose... Mi hai fatto venire la nostalgia!!!!
    E che dire della ricetta??? Un must da chef che affascina sempre!!!
    Un bacione cara!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche Mallorca ha i suoi lati affascinanti, come hai fatto tu prendendo un'auto e dirigendosi a ovest dove c'è tutta scogliera si scoprono panorami bellissimi.
      E che dire delle paelle.....noi le adoriamo e ogni tanto la faccio anche a casa, magari con risultati più modesti ma sufficienti a spegnere la nostalgia.
      Bacioni

      Elimina
  12. Oh si! Queste me le ha fatte un sacco di volte il mio papà.
    Buonissimissime!!!!

    RispondiElimina
  13. Buongustaio il papà!!!:-))) e fortunati i suoi commensali.....

    RispondiElimina
  14. le seppie fatte così sono molto gradevoli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gunther!!! fatte in questa versione vanno amate oppure no, come tanti piatti legati al territorio. Mi fà piacere che tu le apprezzi!!
      ciao a presto

      Elimina
  15. Anche stavolta ci sorprendi con una ricetta particolare! Una vera prelibatezza!!!
    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Lolle!!!! come sei cara!!!
      un bacio

      Elimina
  16. ciao Ondina grazie per seguirmi sempre e per i tuoi commenti anche se ci metto un pò per ricambiare la visita a presto rosa.kreattiva

    http://kreattiva.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non preoccuparti, vieni a trovarmi quando puoi, sei sempre la benvenuta!!!

      Elimina
  17. Bella questa ricetta anche se io le seppie non le so pulire... me le faccio dare già pulite dalla pescheria ,-P

    grazie per la visita! ho ricambiato con piacere!!!

    RispondiElimina
  18. E' tanto che non mangio le seppie cosi!!!che voglia mi hai fatto venire!!!!!Ottima ricetta preparata benissimo!!!Un bacione

    RispondiElimina
  19. Grazie di essere passata da me! Ricambio ben volentieri perchè vedo che abbiamo molte passioni e gusti in comune.
    Un caro saluto, Peppe.

    RispondiElimina
  20. Rita,prácticamente hacemos igual este plato asi es que puedo reafirmar que está delicioso.
    Gusto de volver a saludarte.
    Un beso y buen fin de semana.

    RispondiElimina
  21. Casa è sempre casa... e le seppie son sempre le seppie!

    RispondiElimina
  22. gustosa questa ricetta regionale, non la conoscevo, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina