venerdì 6 luglio 2012

Cappesante gratinate perchè accendere il forno non mi fà paura

Lo sfrigolio del burro che innonda le cappesante mi riporta alla cucina francese, antagonista della nostra ma non per questo meno meritevole di approvazione. Il metodo di cottura dei francesi qualche volta è per noi mediterranei eccessivo nell'uso del burro o della tanto discussa panna ma la loro tradizione nel trattare i molluschi e i crostacei, sopratutto nelle regioni della costa nord-occidentale è innegabile.
Io da sempre prediligo questa versione delle cappesante anche se le preparo in molti altri modi, e in famiglia approvano riconoscendo che fatte così sono speciali.

Il sapore che si crea tra burro e cognac è unico, ecco perchè concordo con i francesi per alcune loro cotture.



Ingredienti

cappesante a volontà
burro abbondante
olio evo
cognac
sale, pepe
scalogno, aglio
prezzemolo, maaggiorana
poco pangrattato

Pulire le cappesante staccandole dal guscio, pulire  anche le conchiglie spazzolandole bene.




Preparare un soffritto con olio aglio e scalogno tritato fine, quando è rosolato mettere abbondante burro e appena schiuma eliminare lo scalogno. Aggiungere le cappesante, regolare di sale e di pepe, spolverare con le erbe aromatiche, cuocere velocemente a fiamma sostenuta girando una volta.


Quando il sugo è abbastanza ristretto aggiungere un bicchierino di cognac e se possibile flambare, questa operazione è molto importante perchè fa evaporare subito le sostanze alcoliche MA richiede una buona dose di esperienza, fiammeggiare i cibi sopra il fuoco è sempre pericoloso. Perciò fatelo solo se ne siete capaci altrimenti alzate la fiamma e fate evaporare tradizionalmente.

Sistemare ciascuna noce  sulle conchiglie irrorandola di sugo, spolverizzare di poco pangrattato e infornare a 220°  per 5/7 minuti fino a gratinare.




Necessita di buon pane per fare la scarpetta!!!

40 commenti:

  1. che bontà, questo è un piatto che non ho mai fatto ma mi piace tantissimo, ci provo anche perchè è spiegato molto bene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sai quando incontro qualche amica, sopratutto se più giovane, mi raccomanda di essere molto dettagliata nella preparazione dei piatti, sopratutto nei tempi, perchè noi più esperte diamo per scontato molti passaggi delle ricette ma nella maggioranza dei casi le difficoltà nascono proprio dalla mancata esperienza. Sono dell'idea che un blog dovrebbe servire anche come aiutino per chi si affaccia al bellissimo mondo della cucina e mi piacerebbe che questo messaggio fosse capito nella giusta maniera dalle amiche bloggers, che conta tutto il contorno ma non dimentichiamo che stiamo cucinando.......
      ciao e scusa per il discorso prolisso.....che ovviamente non era indirizzato a te
      baci

      Elimina
  2. Mia cara...sono tr i miei frutti di mare preferiti!!!!(e non solo perchè io e la Francia siamo intime;-)))Sei stata bravissima davvero a proporre un piatto gratinato con il caldo!!!!Pensa che l'ultima volta che le ho preparate è stato a Capodanno!!!!!Bravissima, un bacione e buon w.e
    PS E' la 1 volta anche per me che metto l'acqua nella marmellata, ho seguito in pieno il libro ed è venuto molto buona, prova ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quest'anno devo ancora mettermi a fare marmellate, dovrò decidermi perchè alcuni giorni fà ho aperto un vasetto del super e non so più come usarlo per quanto di più lontano ci sia dalla marmellata fatta in casa!!!!!!!!!!!
      proverò a fare quella di albicocche che piacciono tanto a mio marito, ma dovrò mettermi alla ricerca di qualche azienda bio nei dintorni pensare che una volta ne avevo un'albero gigante in giardino!!! che nostalgia!!!!

      Elimina
  3. Arrivo con il pane alloraaaaaaaaaaaaaaaaaa
    quello di grano duro...bello e buono.... e ragazza la scarpetta la facciamo insieme!!!!!!
    Un bacione e buon fine settimana

    RispondiElimina
  4. Grande Ondina temeraria! :D Ma per tali delizie.. questo ed altro! Che bbbellee! Io per mezzogiorno ho preparato le cozze.. niente a che vedere con il tuo bel piattino ma.. ho voglia di mareee! Bacione! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ely. le cozze come le cappesante sono tra le mie preferite, le mangerei sempre! perciò oggi verrò da te, se permetti!!!!
      bacio

      Elimina
    2. Se te lo permetto? E' già apparecchiato anche per te..! E se porti anche due o tre dei tuoi capolavori... mmh ne sarò felice! Un abbraccione! :D

      Elimina
  5. Me ne hai tenute da parte due che arrivo con il pane per far scarpetta! Anche io ogni tanto le preparo, ma diversamente, provero' la tua ricetta. Un bacio

    RispondiElimina
  6. Si.. anche a casa mia il forno non andrà in ferie!!!!! Ottime così gratinate!! baci e buon w.e. :-)

    RispondiElimina
  7. Capesante deliziose e gustose! bravissima...p.s.manca la f nel titolo "fà"...buon week end!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ops! grazie dell'avvertimento, corro a modifica....
      buon week anche a te, bacio

      Elimina
  8. Posso autoinvitarmi a pranzo? XD

    RispondiElimina
  9. Buone, buone, buone! Complimenti! :) E la scarpetta ci sta benissimo :D Baci e buona giornata :)

    RispondiElimina
  10. Ciao! anche noi le prepariamo molto simili!
    sono un piatto semplice, ma davvero gustoso ed elegante!
    baci baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie di essere passate!!
      gusti simili, dunque?
      baci

      Elimina
  11. Mamma che bontà!!
    Le adoro!!!
    Un bacione Carmen

    RispondiElimina
  12. ottime e molto raffinate!!!!

    RispondiElimina
  13. Da me le cappesante non si trovano ma sembrano squisite!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche se io sono paladina del pesce fresco, in mancanza di questo si può ripiegare su quelle surgelate, non sarà la stessa cosa ma ci si toglie la voglia
      baci

      Elimina
  14. ottime!!!non le ho mai fatte ma devo prorpio iniziare!!1 brava

    RispondiElimina
  15. non fa paura neanche a noi accendere il forno in questo periodo, se poi serve per preparare una simile golosità, non esitiamo di sicuro, baci

    RispondiElimina
  16. Che meraviglia, qui la scarpetta ci vuole e come!!!
    Baci

    RispondiElimina
  17. Brava, siamo più forti di 35gradi + forno!
    Ottime le capesante, non le mangio da una vita eppure mi andrebbero!
    Negli stati uniti sono usatissime...chissà perchè!Lo immagino guardando la tua ricetta :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho sbirciato il tuo sito, vedo che ti piace una cucina sana e attenta, puoi sempre provare le cappesante grigliate, buttate sulla piastra rovente dopo averle lasciate pochi minuti in una leggera marinata, provale sentirai che bontà!!!
      ciao a presto

      Elimina
  18. Ma che splendida ricetta!!!!

    RispondiElimina
  19. adoro le cappesante!!!! e la scarpetta... è assolutamente d'obbligo ;-)

    RispondiElimina
  20. mi piacciono infinitamente sia le persone coraggiose che le capesante

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh Carmine, qui puoi trovare sempre entrambe!!
      ciaoooo

      Elimina
  21. Una versione, gustosissima, che non conoscevo. Ciao, buona settimana!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao, grazie ormai ...buon inizio di settimana!! :-))

      Elimina
  22. Sembrano davvero buonissime e complimenti per il coraggio, con questo caldo io cerco di cuocere tutto nel microonde!
    Un bacione e buona settimana!

    RispondiElimina
  23. Eh in effetti i francesi qualche merito se lo devono prendere no???? bravissima a te che hai avuto questa bella idea di condividere con noi la tua ricetta!!!

    RispondiElimina